Regione Campania, i decreti anti-Covid per l’agricoltura

Come abbiamo visto nelle altre sezioni di questo speciale Covid-19, la Direzione Generale per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali della Regione Campania ha adottato numerosi decreti dirigenziali per dare attuazione alla nuova misura 21 “Sostegno temporaneo eccezionale a favore di agricoltori e Pmi particolarmente colpiti dalla crisi di Covid-19” del Psr nonché alle misure straordinarie previste dal “Piano socio-economico per l’emergenza Covid-19” a sostegno delle imprese agricole, con interventi specifici a favore dei comparti bufalino e florovivaistico, della pesca e dell’acquacoltura.

Inoltre, sempre in questa fase emergenziale, la Direzione Generale ha adottato altri decreti a favore della generalità degli operatori del settore primario, di specifici comparti e dei beneficiari del Psr Campania 14-20. Soffermiamoci, in particolare, sui decreti dirigenziali rivolti ai beneficiari e potenziali beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale.

Con decreto n. 69 del 16 marzo 2020  la Direzione Generale ha deciso la proroga di 45 giorni dei termini per la conclusione delle operazioni stabiliti dalle Decisioni Individuali di Concessione (Dica) per i beneficiari delle misure non connesse alla superficie e/o agli animali.

Il decreto n. 76 del 2 aprile 2020 ha stabilito: a) la proroga al 15 maggio dei termini di scadenza per tutti i bandi in corso alla data del 17 marzo; b) la sospensione dei termini in scadenza di una serie di adempimenti a carico dei beneficiari nel periodo compreso tra il 23 febbraio e il 15 aprile 2020, senza necessità di presentare di specifica istanza; c) la proroga di 60 giorni – a rettifica di quanto già stabilito con decreto n. 69/2020 – dei termini per la conclusione delle operazioni stabiliti dalle Decisioni Individuali di Concessione (Dica) emanate sino al 15 aprile.

Con il decreto n. 84 del 17 aprile 2020 sono state definite, per tutte le misure non connesse alla superficie e/o agli animali del Psr Campania 2014/2020, semplificazioni, tra l’altro, in materia di sottoscrizione delle domande e svolgimento dei controlli amministrativi in situ, dei controlli in loco e dei controlli ex post, in coerenza con le istruzioni operative dell’Organismo Pagatore Agea.

Il decreto n. 82 del 15 aprile 2020 ha approvato la versione 5.0 delle Disposizioni generali per l’attuazione delle misure connesse alla superficie e/o agli animali del Psr, che introduce semplificazioni in relazione alle modalità di aggiornamento del fascicolo aziendale, ai titoli di possesso e alle modalità di sottoscrizione delle domande, in coerenza con le circolari Agea.

Infine, a causa del protrarsi dell’emergenza da Covid-19, la Direzione Generale ha disposto con il decreto n. 155 del 31 luglio 2020 la proroga dei termini temporali per la conclusione delle operazioni stabilite dalle Decisioni Individuali di Concessione (Dica) relativamente alle misure non connesse alla superficie e/o agli animali del Psr. I termini sono slittati al 10 dicembre 2020 per i beneficiari di tutte le tipologie d’intervento della misura 7  “Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali” e al 31 ottobre 2020 per i beneficiari di tutte le altre misure non connesse alla superficie e/o agli animali. Per quest’ultimi, con decreto n. 237 del 30 ottobre 2020 il termine per la conclusione delle operazioni è stato ulteriormente prorogato al 31 dicembre 2020. In seguito la Regione ha disposto ulteriori proroghe: al 28 febbraio 2021 con decreto n. 342 del 23 dicembre 2020, al 30 aprile 2021 con decreto n. 46 del 26 febbraio 2021 e, infine, all’11 giugno 2021 con decreto dirigenziale n. 144 del 30 aprile 2021

Per consultare tutti i provvedimenti adottati dalla Dg Politiche Agricole, Alimentari e Forestali clicca QUI

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *