Psr, formazione dei consulenti: al via la gara

Sul portale gare della Regione Campania è stato pubblicato il bando per la tipologia d’intervento 2.3.1 “Formazione dei consulenti” del Psr. L’obiettivo della gara è selezionare gli operatori economici cui affidare programmi di attività formative rivolte ai consulenti degli staff tecnici degli organismi di consulenza che operano nell’ambito della tipologia 2.1.1 “Servizi di consulenza aziendale”.

La formazione si realizzerà attraverso focus, seminari tematici e forum, che dovranno essere aperti a tutti i fruitori potenzialmente interessati: consulenti in primis, ma anche formatori, ricercatori, imprese agroalimentari e loro rappresentanze, funzionari della Pubblica Amministrazione e rappresentanti della società civile.

Il termine ultimo per la presentazione delle istanze è fissato per le ore 13.00 dell’8 novembre 2021.

Ai potenziali beneficiari della tipologia 2.3.1 “Formazione dei consulenti” è richiesta innanzitutto l’implementazione, sulla base di uno specifico accordo di partenariato, di una rete di enti, imprese e organizzazioni in grado di svolgere le funzioni dell’Akis (in italiano Scia – Sistema per la Consulenza e l’Innovazione in Agricoltura). Questo sistema deve prevedere la compartecipazione di componenti pubbliche (enti di ricerca, istituzioni regionali, enti locali, istituti tecnici, centri di eccellenza, etc.) e private (organismi di consulenza, enti di formazione, enti di ricerca, imprese, organizzazioni di produttori, associazioni di categoria, etc.) in modo da assicurare il servizio alle migliori condizioni: la pluralità dei soggetti garantisce, infatti, l’ampliamento delle conoscenze trasferibili e, di conseguenza, la maggiore efficacia dell’azione dei consulenti formati.

La tipologia 2.3.1 “Formazione dei consulenti” del Psr mira dunque alla creazione di “ecosistemi della conoscenza” potenzialmente in grado di soddisfare i fabbisogni di aggiornamento dei consulenti e delle imprese destinatarie dei servizi di consulenza attraverso le seguenti attività:

  • attività di aggiornamento, dimostrative e di assistenza tecnica basate sul rilevamento dei fabbisogni delle singole imprese e condivise da tutti gli attori potenzialmente interessati dei sistemi cui sono riferiti i lotti oggetto della gara (Zootecnia e produzioni di origine animale, Ortoflorofrutticoltura, Colture mediterranee, Cerealicoltura e colture industriali, Turismo rurale e sistemi di accoglienza locale);
  • stesura di linee guida e manuali di buona prassi, supporti tradizionali ed innovativi all’attività formativa e all’aggiornamento;
  • attività di ricerca a supporto del punto precedente;
  • attività di ricerca “tailor made” su specifici fabbisogni manifestati da gruppi di imprese;
  • attività di informazione e disseminazione delle innovazioni disponibili finalizzate ad una migliore applicazione delle soluzioni tecnologiche e procedurali proposte;
  • creazione di reti di imprese e reti fra imprese, enti di ricerca ed altri operatori della conoscenza.

Foto tratta da pixabay.com


VAI ALLA GARA

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *